Vita da Libraio

Librai indipendenti

Dal numero 8 all’infinito…Sempre con la voglia di cambiare!

Dal numero 8 all'infinito...Sempre con la voglia di cambiare!

Siamo Carla e Carmelo, C&C, e niente delle nostre scelte passate lasciava immaginare che saremmo diventati dei librai. Certo, eravamo dei lettori ma non è proprio la stessa cosa…

Poi, per una serie di coincidenze ci siamo imbattuti in questo progetto che inizialmente abbiamo vissuto da commessi e che nel corso del tempo ci ha portati a responsabilizzarci e a far nascere il progetto che oggi caratterizza la Libri&Bar Pallotta. Il motore che ci muove è alimentato dalla propensione e dal desiderio di collaborare, condividere e sperimentare. Elementi che abbiamo ritrovato nel progetto dell’Italian Book Challange che, grazie alla chiamata di Serena, ci ha permesso di entrare in contatto con una rete di librai fitta e variegata, con una grande nota comune: la passione.

 

Infervorati, fin dall’inizio abbiamo spinto e pubblicizzato il campionato dei lettori indipendenti, creando curiosità e voglia di partecipare nei nostri clienti che, impazienti, ci chiedevano le schede,  dettagli e suggerimenti. Molte schede sono state consegnate e anche noi possiamo annoverarci fra i partecipanti perché periodicamente proponiamo la nostra selezione di titoli per rispondere alle 50 categorie elencate nella Challenge. Alcune delle proposte nascono anche dai libri letti dai nostri clienti che partecipano al campionato, proposte che a nostra volta consigliamo come libri da leggere. Fra i nostri partecipanti abbiamo anche una collega libraia, Chiara; la nostra amica del mercoledì, Francesca; Alessandra che ha festeggiato il suo compleanno in libreria; persone di passaggio che nello spirito itinerante della Challange si preparano a fare il giro d’Italia in 184 librerie. Tra queste, un’altra Alessandra che gira con una lista scritta a mano delle sue librerie preferite per sapere sempre dove andare a comprare i libri per partecipare alla sfida dell’anno.

 

La nostra forza come libreria indipendente, legata al territorio, nasce proprio dal fatto di avere creato nel corso del tempo uno stretto rapporto di fiducia con i nostri lettori.

In un mondo editoriale sempre più caratterizzato da un’offerta sterminata, il libraio, secondo noi, deve adottare una linea indipendente, fare da filtro tra le proposte e il lettore, e deve saper scegliere, consigliare, proporre.

Abbiamo ritrovato nell’idea del campionato nazionale dei lettori proprio questo principio e anche i nostri lettori hanno abbracciato la sfida con grandissima curiosità, minima competizione e cogliendo l’opportunità di avere uno strumento tramite il quale mettersi alla prova e compiere scelte di lettura oltre le proprie abitudini.

Proprio per poter fare tutto questo, poter scegliere liberi da condizionamenti, la nostra storia, seppur breve, è stata caratterizzata da decisioni che ci hanno portato alla piena indipendenza.

 

Pochi giorni fa Libri&Bar Pallotta ha festeggiato il suo ottavo compleanno.

Il 5 di aprile del 2008 cadeva di sabato. Noi eravamo lì, amici prima che colleghi, pronti ad intraprendere un viaggio pieno di incognite ma carico di entusiasmo.

E ci siamo ancora, pur con profondi cambiamenti alle nostre spalle, come radicale era stato all’epoca il cambiamento delle pareti che ci circondano oggi. Dove ora vedete libri, giochi, fumetti, prima c’erano biliardi e tavolini per giocare a carte, in pieno stile da borgata romana quale era la piazza che ci ospita. Un’atmosfera più da BarLume malvaldiano, con vecchietti clienti e amici della proprietà, che da “salotto letterario”.

Tutto questo è rimasto nello spirito del locale tra tradizione e innovazione; gli stessi vecchietti, oggi, parlano di sport e acciacchi tra i libri, per niente intimoriti, anzi: convivono tranquillamente con i lettori che tra un caffè e un cappuccino scelgono e sfogliano i libri.

 

Trasformazione, dunque, è stato il leitmotiv di Libri&Bar Pallotta, nata come affiliata a un gruppo di librerie indipendenti romane; poi, poco più di tre anni fa, ha intrapreso un percorso totalmente indipendente staccandosi dalle distribuzioni del gruppo e iniziando una serie di collaborazioni dirette con case editrici romane e non.

Quello che tre anni fa sembrava un salto nel buio si è rivelato una grande opportunità. Abbiamo potuto riconquistare il nostro ruolo, quello di librai che compiono scelte, a volte opinabili, ma comunque nostre: i libri, i cataloghi, le iniziative, gli autori da ospitare.

Da noi oggi ogni libro scoperto è una nuova uscita, nessuna data di scadenza è determinata dal continuo avvicendarsi di titoli e novità, nel tentativo di creare un’oasi di serenità, dove ogni libro è nuovo se non lo si è già letto.

 

La libreria si affaccia su una piazza, Piazzale Ponte Milvio, un tempo nota solo per i lucchetti e per la cronaca; da qualche anno è divenuta familiare ai residenti anche per “Libri a Mollo”, una manifestazione  in grado di offrire la possibilità di bere un cocktail mentre si ascoltano scrittori, attori, editori parlare di un libro. In pochi ci credevano, forse nemmeno noi, quando nel giugno del 2014 Claudio Grattacaso inaugurò la prima serata di questa rassegna che quest’anno arriva alla sua terza edizione.

 

Con Libri a Mollo i libri escono dagli scaffali e incontrano i lettori per creare una continuità tra il quartiere e lo spazio interno. Da maggio a settembre la manifestazione crea un appuntamento fisso con autori, musica e aperitivo all’aperto, regalando ai frequentatori della piazza e a Roma Nord un’alternativa interessante alla pura movida mangereccia.

Dunque non solo il dialogo continuo con i nostri lettori, ma una sempre più stretta collaborazione e condivisione di idee e progetti con i nostri colleghi librai indipendenti ci danno la spinta e l’energia per continuare a fare questo lavoro; un dialogo che si arricchisce periodicamente di iniziative condivise e riesce a fugare i nostri dubbi e le incertezze di un mestiere non facile.

 

Carla e Carmelo

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Librai indipendenti

Vita di librai di tutta Italia. Qui vi raccontiamo, ogni settimana da una libreria diversa, cosa accade con l’ITALIAN BOOK CHALLENGE.”

Utenti online