Vita da Libraio

Librai indipendenti

“Essere un libraio indipendente? E’ una specie di missione”

"Essere un libraio indipendente? E' una specie di missione"

Quando abbiamo saputo, quasi per caso, dell’esistenza di questa iniziativa, l’IBC stava per partire.  Il giorno stesso abbiamo contattato Serena e deciso di essere della partita. Io e Daniela ci siamo guardate dicendo all’unisono “ma sì, dai facciamolo” pensando, senza dircelo, che sicuramente sarebbe stata l’ennesima iniziativa alla quale avrebbero aderito i “soliti” affezionati.

Abbiamo iniziato a spammare forsennatamente sui nostri profili Facebook, ad inviare mail, a mandare sms e… sorpresa il giorno della partenza al caffè organizzato per accogliere i lettori e spiegare l’IBC hanno iniziato ad arrivare persone e persone e persone che, senza conoscersi, si son messe a parlare di libri, a scambiarsi titoli e nomi di autori, a proporre addirittura di incontrarsi periodicamente per confrontarsi. E i giorni seguenti arrivavano altri lettori, anche da città vicine, dopo averci scovato nell’elenco delle librerie IBC.

Una soddisfazione di quelle che ti scaldano il cuore perché essere un libraio è un lavoro come tanti ma essere indipendente è una specie di missione, una lotta continua contro l’ennesimo centro commerciale portata avanti a suon di proposte di qualità, è suscitare la curiosità nel bimbo che viene con la classe a scoprire come nasce un libro e che torna immediatamente con la mamma a comprare quel libro, proprio quel libro che ha guardato per un’ora, è saper creare quell’atmosfera di familiarità che fa di ogni lettore un amico.

L’IBC è una specie di coronamento dell’impegno di tanti anni, è sentire Lucia dire che ci ha eletto a sua libreria perché siamo simpatiche, è Marzia che trascorre il suo pomeriggio libero da noi, è Mariella che arriva col caffè, è Michele che alle nuove uscite dei suoi autori preferiti arriva puntuale sapendo che il libro è già via per lui, è la birretta con Francesca, Antonella e Chiara dopo un incontro in libreria.

 

Daniela e Germano

Libreria Il Campanile

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Roberto Tartaglia

    Io non mi sento un missionario. Fare il Libraio è giustamente un mestiere come un altro. Essere indipendenti è farlo in maniera diversa e secondo me è anche più gratificante.
    Basta con il piangersi addosso, non sono i librai la specie da proteggere lo sono i lettori !
    Roberto
    Libreria Centofiori Milano

Mostra più commenti

Librai indipendenti

Vita di librai di tutta Italia. Qui vi raccontiamo, ogni settimana da una libreria diversa, cosa accade con l’ITALIAN BOOK CHALLENGE.”

Utenti online