Vita da Libraio

Librai indipendenti

L’apertura ogni mattina di una libreria, è questo il vero miracolo!

L'apertura ogni mattina di una libreria, è questo il vero miracolo!

Quando ogni mattina si apre la porta di una libreria indipendente molti non ci pensano, ma si ripete un miracolo; qui a Napoli siamo abituati alla ripetizione del miracolo più famoso del mondo, ma fermiamoci a pensare a che straordinaria coincidenza di amore passione competenza e irresponsabile entusiasmo apra quelle porte, in tutta Italia.

A Napoli di più, a Iocisto di più. Perché la passione è quella  di 1340 cittadini che dal 13 maggio 2014, giusto due anni fa, hanno  detto io ci sto. Appunto. Ci sto a metterci una quota quasi simbolica, e poi competenza, entusiasmo passione, diffusione dell’idea e la cosa più importante che essere umano possa regalare: il suo tempo. E’ così che nel quartiere a più alto tasso di lettori della città, rimasto orfano di tutte le librerie due anni fa, da due anni ogni giorno la porta si apre e Iocisto la libreria di tutti è diventata la più grande libreria indipendente napoletana. Un sogno? Lo dicevo sempre ai miei “soci”, lo dico ancora ogni tanto: Si, sognate la libreria più bella del mondo.

Poi svegliatevi, e fatela. E quelli mi sono stati a sentire e la fanno tutti i giorni, altro che sogno. Decine di migliaia di volumi, oltre 1000 editori grandi e piccolissimi, la Zattera, uno spazio bambini di assoluta qualità a livello nazionale, oltre 300 presentazioni e incontri con l’autore in meno di due anni, 1400 ragazzi passati con le scuole in libreria, progetti di alto contenuto sociale realizzati e premiati in tutta Italia, unica libreria a rappresentare sulla Rambla di Barcellona l’Italia nel giorno mondiale del libro. Una casa editrice al suoE tra i soci “eccellenti” che ci hanno visto e si sono entusiasmati Dacia Maraini, Aldo Masullo, Domenico De Masi, Renzo Arbore, il giudice Nino Di Matteo, Massimo Recalcati, Ferzan Ozpetec, Maurizio de Giovanni.

Presentazioni nell’adiacente piazzetta con migliaia di partecipanti. Una casa editrice con 4 pubblicazioni al suo attivo, l’ultima, Ho sete ancora, dedicata a Pino Daniele. Il tutto solo grazie all’apporto di soci volontari che ogni giorno assicurano insieme a me, il direttore libraio, l’apertura di quella porta. E dai soci è venuto l’input per partecipare a Italian Book Challenge partito da facebook, così come da un post su facebook è partita l’idea di mettersi insieme e fare una libreria.

Altro che luogo solo dell’effimero… ; e si, Italian Book Challenge ha funzionato molto e bene, ha risposto a tutte le nostre attese: un aumento delle vendite, nuovi lettori attirati dal concorso e dal fatto di essere noi l’unica libreria napoletana aderente, una simpatica sfida tra lettori forti, piccoli tentativi di spionaggio per conoscere la propria posizione in classifica parziale, una collaborazione molto spesso sfociata nella più bieca complicità con il libraio… e poi una concorrente di 4 anni e uno di 98, la caccia al libro con la copertina più blu, a quello con più di 600 pagine,  a quello scritto in stampatello, tentativi di corruzione per farmi accettare Alice nel paese delle Meraviglie come un romanzo di formazione, e l’ultima fatica di Eros Ramazzotti come un libro di poesia… la sfrontatezza di quelle richieste, la trattativa serrata, i sorrisi e le risate; anche Italian Book Challenge ormai fa parte della vita di iocisto la libreria di tutti, e ogni giorno partecipa al miracolo; grazie per  averlo ideato e soprattutto realizzato, perché le idee sono belle, ma “farle” è sublime.

 

Alberto Della Sala – Direttore di Iocisto la libreria di tutti

 

 

© Riproduzione Riservata
Tags

Librai indipendenti

Vita di librai di tutta Italia. Qui vi raccontiamo, ogni settimana da una libreria diversa, cosa accade con l’ITALIAN BOOK CHALLENGE.”

Utenti online