Vita da Libraio

Librai indipendenti

Libooks, parole cose incontri

Libooks, parole cose incontri

“Ma quanto legge questa ragazza? E’ sicuramente pronta per il Campionato, l’Italian Book Challenge!”

E’ accaduto così, quasi per caso, che una delle mie lettrici mi facesse capire che l’Italian Book Challenge può essere una bella gara anche per i ragazzi. Forse no, non è stato un caso ma il frutto di un rapporto che costruisco quotidianamente con i lettori nella mia libreria indipendente, la Libooks.

L’I.B.C. è una gara interessante per tanti motivi; tra gli altri, quello che più mi affascina è il ripensare a libri letti tempo fa, rimasti nel mio cuore che mi hanno fatto pensare, sognare, crescere e che ora posso ripescare e consigliare. Perché non coinvolgere in questo favoloso viaggio nel tempo i giovani assetati di buone letture?

Quando ho deciso di aprire la mia libreria nel settembre del 2015, dopo aver lavorato per molti anni come libraia, sapevo sarebbe stata una sfida impegnativa.

Il nome della libreria avrebbe dovuto contenere il progetto che da tempo avevo in mente e così è nata “Libooks. Parole , cose, incontri”.

Ogni momento è incontro e le parole ci aiutano tra un caffè e un biscotto. I laboratori che organizzo ogni sabato per bambini e ragazzi, l’aperitivo con l’autore della domenica mattina e le mostre tematiche allestite periodicamente, sono occasioni importanti perché, in quei momenti più che mai, la libreria diventa un luogo accessibile, dove i libri diventano un veicolo per creare contatti, opportunità di scambio di idee e di passioni.

Nel vedere mani di lettori che mi salutano passando dalle vetrine, lettori che mi ringraziano affacciandosi alla porta per l’ultimo libro consigliato, lettori seduti sul divano che degustano una tisana in cerca del libro giusto, il mio progetto prende forma ed io mi sento semplicemente una libraia felice!

Manuela Maspero

Libreria Libooks Cantù

© Riproduzione Riservata
Tags

Librai indipendenti

Vita di librai di tutta Italia. Qui vi raccontiamo, ogni settimana da una libreria diversa, cosa accade con l’ITALIAN BOOK CHALLENGE.”

Utenti online